Prova Costume: come rimettersi in forma

Salve a tutti, sono Gabriele Gemignani, Responsabile Tecnico dei centri fitness Ready.

Oggi vi parlerò delle sedute di allenamento in questo difficile periodo dell’anno , di transizione tra primavera ed estate.
La prova costume spaventa?
Scommetto che qualcuno di voi ha già digitato su Google “come dimagrire in 20 giorni”, magari gli stessi che hanno trascorso l’intero inverno comodamente sdraiati sul divano.
Vi svelo un segreto: la formula magica NON ESISTE! Tuttavia, con un po’ di impegno e volontà è possibile raggiungere notevoli risultati.

Per rimetterci in forma innanzitutto bisogna adottare uno stile di vita sano, a 360°! Niente allenamenti da 3h ed è assolutamente vietato il salto del pasto…se proprio volete ‘’saltare’’ vi consiglio un bel riscaldamento con la corda (quello sì che funziona!). Non dimenticare di: avere un’alimentazione varia ed equilibrata con cinque pasti al giorno, tre principali (colazione, pranzo, cena) e due spuntini (metà mattina e metà pomeriggio); bere almeno 2 litri di acqua al giorno, a temperatura ambiente, per mantenerci idratati; dormire almeno 8h a notte.

Difficile? Scommetto che potrete riuscirci. E quando arriveranno i grandi caldi…no all’abbandono della palestra! Credete davvero che la soluzione giusta sia perdere tutto il duro lavoro già fatto? Da Maggio a Settembre consiglio di utilizzare delle soluzioni energetiche multivitaminiche che vi permetteranno di riequilibrare gli ioni persi con la sudorazione.

Per quanto riguarda la metodologia di allenamento il mio consiglio è di abbassare i carichi dato che un calo prestativo è quantomeno fisiologico in questo periodo. Meglio utilizzare carichi intorno al 50/55% del massimale.

Questo è il periodo migliore per “definire” la muscolatura eseguendo due tipologie di lavori da alternare:

  • sedute puramente aerobiche, di almeno 50’, con 15’ di addominali come gran finale da eseguire a circuito (un esempio? 3 esercizi di addome da 25 ripetizioni ciascuno no stop) ;
  • sedute a “circuito”( bodyweight o attrezzato) della durata max di 60’ preceduti da 10’ di riscaldamento aerobico e concludere con 10’ di defaticamento, senza dimenticare lo stretching!

Il risultato? Una scheda di allenamento personalizzata sulle nostre esigenze, strutturata in modo da allenare tutti i distretti muscolari rendendoci più tonici, con vantaggi anche al nostro sistema cardiorespiratorio e al metabolismo che verrà stimolato a bruciare più calorie. Un chiaro esempio di lavoro di qualità e non di quantità.

Questo lavoro deve essere sempre eseguito e monitorato da un trainer qualificato, in grado di consigliarvi i giusti range cardiaci da rispettare durante l’allenamento e intervenire nel caso in cui venga eseguito un esercizio in modo scorretto.

Mi auguro che questi consigli vi siano utili.

Buon allenamento!
Gabriele